GAZZETTA.IT

Senza Leo c’è meno qualità Ora il colpo a centrocampo

Negli anni in cui Andrea Pirlo dipingeva calcio, ogni tanto c'era qualcuno che riproponeva il tema del "vicePirlo". Un po' come spiegare razionalmente le ragioni dell'innamoramento. Perdita di tempo, ché un vice-Pirlo non esisteva al mondo. Stessa cosa anche per Bonucci, la cui cessione al Milan obbliga la Juve a rivedere molte cose. IN VOLO CON LE ALI — La Juventus perde il miglior difensore al mondo nell'impostazione. La Juve contiana si appoggiava ai suoi lanci lunghi, quella di Allegri al suo destro educatissimo in avvio di azione. Assodato che un surrogato di Bonucci non c'è, è ipotizzabile che la Juve 2017/18 cercherà maggiore qualità sugli esterni. Douglas è già stato preso, Bernardeschi è in dirittura d'arrivo, Cuadrado può restare, ci sono Mandzukic e da fine ottobre Pjaca. Alex Sandro è una certezza, si cercherà un terzino bravo a spingere anche a destra, coi nomi di Aleix Vidal e soprattutto Cancelo in ascesa. Detto che nel ruolo c'è una certa penuria su scala mondiale. E chiunque verrà preso, sarà un passo indietro rispetto a Dani Alves. CENTROCAMPO — Archiviata definitivamente la stagione della difesa a 3, serve comunque più qualità in mezzo al campo. Semplicemente perché quel tipo di inizio azione da dietro non sarà riproponibile. Un altro centrale difensivo arriverà, ma il grosso del budget verrà investito per un centrocampista in grado di avviare l'azione in appoggio a Pjanic e di garantire un'adeguata fisicità. I mostri sacri del ruolo, i Modric, i Kroos, i Verratti, richiedono sforzi economici clamorosi, difficilmente alla portata. Allegri pensa che Mire Pjanic diventerà un grandissimo regista basso: l'anno scorso non ha incantato nel ruolo, almeno fino al passaggio al centrocampo a due. E visto che la Juve ripartirà dal 4-2-3-1, non è azzardato dire che Pjanic avrà ancora più responsabilità. Accanto a lui un centrocampista completo come Emre Can (all'occorrenza anche difensore, occhio), fisico come Nemanja Matic, già inseguito un'estate fa da Allegri, o Blaise Matuidi troverebbe la collocazione ideale.
(A cura della redazione di Gazzetta.it)

Leggi l’articolo originale

Senza Leo c’è meno qualità Ora il colpo a centrocampo
Vota questo articolo
Senza Leo c’è meno qualità Ora il colpo a centrocampo ultima modifica: 2017-07-15T17:11:25+00:00 da Gazzetta
Inserisci un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PIU' LETTI

To Top